Lo specchio dice il vero?

Se in Alberti, Leonardo, Brunelleschi e nei pittori in genere lo specchio piano è considerato strumento di verità e di corrispondenza al reale, nell’immaginario simbolico esso acquista anche una valenza contraddittoria ed è collegato alla sfera della falsità e dell’inganno.

dismorfismo_250

Platone, ad esempio, assume lo specchio (al pari delle ombre della caverna e delle rappresentazioni pittoriche) come metafora della conoscenza ingannevole .

L’ambivalenza dello specchio è ben espressa nel mito di Narciso, che nella scoperta della propria immagine trova addirittura la morte.

Narciso_Caravaggio_065

Narciso ( Caravaggio )

Ma la patente di veridicità è riservata da tutti al solo specchio piano. Gli specchi curvi, concavi e convessi, sono invece fonte di inganni e distorsioni.

Ma siamo sicuri che gli specchi piani siano davvero così innocenti e fedeli? Possibile che basti una semplice curvatura per cambiarne la natura e l’attendibilità? Probabilmente i confini tra le cose sono meno netti di come appaiono.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>